Book Club Reading: Un ragazzo normale

Learning Italian by joining a book club

Learning Italian by joining a book club

Book Club Selected Reading

Title: Un ragazzo Normale
Author: Lorenzo Marone
Published: 2018

The author and the book

Lorenzo Marone was born in Naples in 1974. He worked as a lawyer for ten years, he then left this profession to become a writer. He published his first book, La tentazione di essere felici, in 2015. This has been translated into 15 languages and it was made into a film (La tenerezza) directed by Gianni Amelio. He has written 8 books and won numerous prizes such as Premio Stresa and Premio Selezione Bancarella then he published Un ragazzo normale in 2018 and won the Premio Giancarlo Siani.

He has also published:

La tristezza ha il sonno leggero
Magari domani resto
Cara Napoli
Tutto sarà perfetto
Inventario di un cuore in allarme
La donna degli alberi

Here are some sources where you can find more information about Lorenzo Marone and his books:
http://www.lorenzomarone.net/
https://www.instagram.com/explore/tags/lorenzomarone/
https://www.facebook.com/lorenzomaroneofficial

The story

Mimì is the protagonist of Un ragazzo normale. He’s twelve, wears glasses, loves reading and he is super smart. This boy is also obsessed with astronauts, comic books and the film Karate Kid. He lives in a building block in Naples in the area of Vomero where his father is the doorman. Il Vomero is the area populated by the middle and upper classes.

The boy spends all his spare time outside with his friend Sasà or in the two-room apartment that he shares with his parents, his teenage sister and his grandparents.

This child is fixated with getting a spiderman costume that his parents cannot afford, he is in love with Viola, a girl who lives in one of the upstairs apartments and daughter of more affluent parents. He is also into telepathy and tries various experiments with whoever he finds that is agreeable to them.

The book is set in the year 1985, which was a strange year for Naples. For example, it was the year that it snowed. This is an event in Naples, considering that prior to that, it only snowed in the years 1929, 1956 and 1971. During 1985, he also meets Giancarlo who becomes his superhero. Giancarlo is a 25 years old journalist who drives a green Citroen Méhari and writes dangerously about the Camorra. The boy is instantly inspired by the journalist and becomes his friend.

To understand the story completely, it is important to mention that Giancarlo was a real person: Giancarli Siani. He was murdered by the Camorra in 1985 because of his work. At the time he was reporting about the links between politicians, constructions contracts and organised crime.

Why read this book?

We choosed this book for various reasons. It is beautifully written and it is amusing and moving at the same time. It gives a good view of a very recent past and consequently, offers a more current view of Italy, its values and culture. The author is an award-winning writer, who has enjoyed critic and public success.

Quotes from the book:

“Le cose straordinarie, quelle che resteranno per sempre nella tua vita, arrivano spesso in punta di piedi e all’improvviso, senza tuoni e particolari avvisaglie. Proprio come quella nevicata dell’85.”

“Perché alla fine di quella terribile e magnifica estate capii che gli unici superpoteri a disposizione di noi poveri umani sono i rapporti che riusciamo a costruirci, gli amori, le amicizie, gli affetti. Sono la qualità di queste relazioni a fare la differenza fra chi è super e chi, forse, lo è un po’ meno. Perché quella maledetta sera capii di essere solo un adolescente che si era trovato, per una serie di circostanze, ad avere a chef fare con qualcosa di più grande di lui. Capii di essere un ragazzo normale. Come lo era Giancarlo, un ragazzo normale.”

Learning Italian by joining a book club

We read one selected chapter of a given book and develop speaking in sessions moderated by native teachers.
Click here if you wish to know how our book club works. You can book your session here.

La prima neve (livello A2/B1)

italian alps snow

Italian alps snow

4 Dicembre 2020

Il blog

Ecco un’altra puntata del nostro blog. Questo può essere complementare alla vostra lezione di italiano (Italian class). Può aiutarvi a capire la cultura italiana (Italian culture) e la lingua italiana (Italian language).

Come inizia la nostra storia

Sono un’insegnante di italiano come lingua straniera e ho vissuto a Londra per decenni. Sono sposata con un uomo inglese e abbiamo due figli. Nel settembre 2020 abbiamo deciso di trasferirci nel mio paesino originario che si trova in Italia fra il Lago di Como e le Alpi.

Le stagioni

Vivendo a Londra, dopo vent’anni di permanenza, ho cominciato a chiedermi: ma perché l’inverno comincia solo il 21 dicembre? A Londra fa freddo anche a novembre e le stagioni non sono ben definite. Dove vivo ora invece, la transizione dall’estate all’autunno è chiara e visibile a partire dal cambiamento dei colori del paesaggio. L’autunno inizia con temperature calde a settembre e lentamente si raffredda. A ottobre le montagne iniziano a coprirsi gradualmente di neve. Prima si imbiancano le cime di una spolverata leggera, col tempo il bianco delle cime diventa più spesso e a poco a poco e, a Novembre, si nota che la neve si abbassa fino ad arrivare a metà montagna.

La prima neve

‘Domani arriva la neve!’. Esclama mio fratello arrivando per una visita. La neve! Davvero! I bambini si fanno prendere dall’eccitazione e iniziano a saltare per casa. Ci siamo svegliati questa mattina e abbiamo subito guardato dalla finestra, piove ma non c’è traccia di neve.
I bambini vanno a scuola delusi. Fa freddo, oggi è anche giorno di mercato, fra poco esco a comprare frutta e verdura. Ecco che verso le nove intravedo qualcosa dalla finestra, sono fiocchi di neve, enormi!!! Mio marito Robin, guarda anche lui dalla finestra e sento che ne parla con un collega al telefono. L’elemento magico della neve ha il potere di rallegrare non solo i bambini ma anche gli adulti.

Il pupazzo di neve

I bambini sono estasiati e incantati dalla neve. Ritornando da scuola si fermano a lanciarsi palle di neve, poi pranzano e subito chiedono di uscire di nuovo a giocare. Eccoli che corrono fuori a fare il pupazzo di neve. La loro eccitazione e felicità è meravigliosa ed è un piacere vedere la bellezza della neve con i loro occhi.

Our next blog will be announced on our Facebook page:

https://www.facebook.com/italianinlondon

If you like to subscribe to this newsletter, please insert your email address below: