Alessandro Baricco SETA – Book Club

alessandro baricco seta

Title: Seta
Author: Alessandro Baricco
Published: 1996

Why we read this book in our book club

For this session of our book club, we have chosen Seta by Alessandro Baricco.

We have chosen this book because the story is intriguing and the narrative captivating. It is the curious story of Hervé, at first, appearing uninspiring and not at all special. But as we follow his voyages, we also witness his awakening to life. Baricco’s language is poetic and enchanting. It is not difficult for a student of Italian compared to other authors. In addition, this is a short story, so if – after reading the chapter – you wish for more, finishing this short book will be within reach of any B2 students.

This is what the book club is all about, discovering a new author, reading a carefully chosen excerpt and falling in love with it or not. If the latter is the case, this is also good; you can read something else next time. For each of our book club sessions we pick a new book and select one chapter for you to read.

Seta: the story

Seta is set in the mid-1800 in France in the small village of Lavilledieu in the South of France. It is the story of Hervé Joncour a silk merchant and specifically a silkworm merchant. He is married and has no children. He is a quiet man with no expectations, whose destiny seems to have been decided for him.

After a pandemic which affects the silkworms, Hervé is forced to travel to the far East and visit Japan to illegally purchase silkworms. For the last two centuries Japan has been closed to the external world. During his first travel to Japan, Hervé meets the mysterious Hara Key. He also sees a girl and he falls in love with the idea of her. He returns to Japan multiple times hoping to see her again.

The book tells the story of this idealised and impossible love, but also about the more real one closer to home, which is rediscovered by Hervé towards the end. It talks about the metaphor of travelling and of the awakening of a man to life.

What we will be discussing in this book club

Our book club discussions vary according to the books we read and the contributions of the participants. The moderator provides enough structures to ensure that discussions flow, however, also flexibility and freedom so that participants have enough space to express their ideas.

For this particular book, we will start by focussing on defining the characters, their specific traits and what these mean for the story and for the overall meaning of the book.

We then focus on specific quotes from the book either suggested by the teacher moderator or by the participants. We will discuss what the quotes suggest and what bearing these elements have on the story itself.

During the book club there is a focus on specific language used in the book, and again, both the moderator and the participants will contribute either interesting or new language to analyse or simply to put forward and explain.

Interesting quotes from the book:

“Pioveva la sua vita, davanti ai suoi occhi, spettacolo quieto.”

“Per mille volte cercò gli occhi di lei, e per mille volte lei trovò i suoi. Era una specie di triste danza, segreta e impotente.”

“È uno strano dolore. Morire di nostalgia per qualcosa che non vivrai mai.”

“si chinò su quanto era rimasto della sua vita, e riiniziò a prendersene cura, con l’incrollabile tenacia di un giardiniere al lavoro.”

“Ogni tanto, nelle giornate di vento, scendeva fino al lago e passava ore a guardarlo, giacché, disegnato sull’acqua, gli pareva di vedere l’inspiegabile spettacolo, lieve, che era stata la sua vita.”

The author and the book

Alessandro Baricco was born in Torino in 1958. He studied philosophy at university and at the same time studied piano at the conservatory. His love of music and literature inspired his first book, a paper on Gioacchino Rossini. He published his first novel, the critically acclaimed Castelli di sabbia, in 1991 and has won the Premio Selezione Campiello and the Prix Médicis Étranger. In 1993 he published Oceano Mare which has won the Premio Viareggio and the Premio Palazzo al Bosco. In 1994 he wrote Novecento and Seta was written in 1996.

All his books have been translated into various languages. Baricco has also written numerous papers and articles. He has written and directed for the theatre. He has also created TV programmes on literature such as Pickwick, del leggere e dello scrivere and Totem. In 1994 he created and founded a school of creative writing based in Turin called Scuola Holden. He has also directed a film called Lezione Ventuno.

Seta is one of best-known books by Baricco. This international best seller has been translated into 30 languages. François Girard made it into a film with Michael Pitt, Keira Knightley, and Alfred Molina. The book is a short story written in his unique style, simple and poetic.

Alessandro Baricco has written 13 novels:

  • Castelli di Sabbia, 1991
  • Oceano Mare, 2993
  • Novecento, 1994
  • Seta, 1996
  • City, 1999
  • Constellations, 1999
  • Senza Sangue, 2002
  • Questa Storia, 2005
  • Emmaus, 2009
  • Mr Gwyn, 2011
  • Tre Volte all’Alba, 2012
  • Smith & Wesson, 2014
  • La Sposa Giovane, 2015

Further reading

Here are some sources where you can find more information about Alessandro Baricco and his books:
https://www.feltrinellieditore.it/autori/autore/baricco-alessandro/”
https://en.wikipedia.org/wiki/Alessandro_Baricco

How to join the book club

Join our book club! We read selected chapters of a given book and develop speaking in sessions moderated by a native teacher passionate about literature. Click if you wish to know how our book club works. Book your session here.

Three steps for reading in a foreign language: solving the jigsaw puzzle

Three steps for reading in a foreign language

Three steps for reading in a foreign language

Why is reading in a foreign language so important for learning it?
Why is reading in a foreign language difficult?
Are there any techniques to make it easier?

Read on to find the answers to these questions.

The power of context and stories
The British Council, in one of their campaigns, told us that it only takes a 1000 words to learn a language. This is true if we consider that even mother tongue speakers use a relatively small vocabulary in their everyday life. However, words must be meaningful and related to context for a learner to retain them. The internet is full of lists of words, nevertheless if you have ever tried to learn Italian by memorising words, you will already know that this does not work.

The power of context and stories does not only lie in making vocabulary memorable, but also has the power of contributing meaning to a word, even a new word, that the student has never come across before. Reading is an invaluable way of learning a language and it is especially powerful for learning new vocabulary and phrases.

Why is reading in a foreign language difficult?
Most students find reading Italian literatures difficult. I can see two reasons for this. One is that the material is too hard because the students are still at the intermediate stage or below. The second is that the level of the student is high enough, but the student lacks the right techniques and the mindset. There is a solution for both cases.

Use graded material
If the material is too challenging, this is because these students are intermediate level or below. In this case, the solution is simple: reading graded material will help learning without being overwhelming. Graded materials are books which are written according to the level of the students. They are based on the number of words used. For example the one marked as 400-500 words are for beginners, 1000/1500 are for pre-intermediate level and so on. Start with one that you think you can manage and as your reading becomes easier upgrade to the next level. Even at pre-intermediate levels the next tips should help.

Use the correct reading techniques
The second problem is when a student reads in the same way as they read in their own language: expecting to understand each individual word. This is a common mistake amongst my more advanced students. Unfortunately, this can become exhausting because there will be numerous words that, when first read, they might not be familiar with.

Solving the jigsaw puzzle
Reading a text in a foreign language is like solving a jigsaw puzzle. When you start, you only see a pile of pieces. If you tried to put them together randomly you might be overwhelmed by the task. So, you might start by getting some clues about the puzzle, for example by looking at the picture on the box and by identifying the borders. In a similar way, before reading start to get some clues about the genre of the book, the book cover, the title, the table of contents, the titles of the chapters and any illustrations available. Our brain is wired to produce meaning based on a variety of clues and our previous experiences, trust yourself and let the brain to its job.

3 steps for reading any texts
So, after you got some clues about the book, you are ready to start, and these techniques should help:

1. First read: get the feel
Read as if you want to get the feel of the book, as if you were immersing yourself in a warm bath. Relax and read the entire section from start to finish. This could be the full chapter or if the chapter is too long, choose to begin with half of it. In your first read don’t use the dictionary. Don’t worry about what you don’t understand, focus on what you do. To go back to our puzzle analogy: use the key words you do understand to piece the rest together.
After finishing, try to summarise what you have understood. Use logic, what do you think happened, so what usually follows?

2. Second read: get the gist
The second read is when you will start underlining some words which you think are key to understand the sentence or the paragraph. These words should be crucial to the meaning of the chunk of text and very few. Even in this second read, don’t use the dictionary. Your understanding after the second read will be far greater compared to the first, even without the dictionary. Read again till the end. Trust yourself and the ability of your mind to understand more than you think.

3. Third read: dig deeper
The third read is when I would use the dictionary. Using it only now will ensure that those words have become already meaningful to you even if you don’t grasp them completely and therefore also more memorable. The work that you have done without the dictionary has given those words some meaning already, and you have built up the overwhelming desire to understand what they mean. In the same way as when you only have a small piece missing in the puzzle, you can already imagine what you are looking for. This process is what enables your long-term memory. This is because our minds have been designed to retain only information that is perceived as important.

Changing your mindset about reading
Ultimately, for reading in a foreign language, we need to change our mindset. Abandoning the fear of unknown words and accepting that we need a fresh way to approach an authentic text written for native speakers. Learn like children do; throwing yourselves into the new, using your imagination and especially enjoying your reading.

To sum it up:
In short, reading in the target language requires the same techniques as solving a jigsaw puzzle. At the beginning it looks complicated but if you stick with it all the pieces fall into place. Follow the techniques described without fear and trust yourself and the process.

Happy reading!

Fancy join our book club?
We read one selected chapter of a given book and develop speaking in sessions moderated by native teachers.
Click here if you wish to know how our book club works. You can book your session here.

The Italian Book Club

italian book club

 

Italian book club

Now that you have achieved a higher level of Italian you might want to read authentic material. Reading Italian literature and specifically novels is one of the best ways to improve your Italian language, expand your vocabulary and increase your knowledge of the Italian culture.

Parla Italiano School is launching a new pay-as-you-go reading club which will meet online using Zoom every month.

Each session can be taken as one-off or as part of a package. Readers wishing to participate will need to have achieved an intermediate or more advanced level of Italian.

The main aim of the club is to discuss the excerpts, to develop speaking and to work on lexis. Please note that we do not read the entire book but only a selected chapter, which can be easily read within the timeframe.  The session will have some structure but also enough flexibility so that the participants can truly express themselves fully. Zoom allows for smaller groups to be formed within the class, so that participants can have plenty of talking time during the session. Students will have the opportunity to meet different, likeminded people who enjoy discussing and exchanging ideas. The teacher will supervise and guide the discussion, she will be available to help and to clarify any items of language if required.

The programme will be carefully selected. It will include contemporary authors such as Stefania Auci, Antonio Tabucchi, Dacia Maraini, Lorenzo Maroni, Elsa Morante, Alessandro Baricco and so on.

For the current programme please click on current course schedule.

This class is once a month, the session lasts for 1.5 hours. You can book each session separately or you can book a bundle of 5 lessons and get a discount. The maximum number of students per session is 10 and we will operate a waiting list if necessary. Students wishing to participate will need to have read the pages of the book chosen for that session, beforehand. After booking their session, students will receive a Zoom link to access their room.

To book follow the link and choose your session/s here:
Book Club on Zoom

For further information and any question you might have, please email: laura@parlaitaliano.co.uk or phone: +44 7941 092593 (UK number).

If you wish to be added onto our mailing list to receive our newsletter, please insert your email address below::

Il carnevale italiano (level A2+)

what is carnevale in italy all about

What is Carnevale in Italy all about

Vi siete mai chiesti in cosa consiste il carnevale italiano? Perché si celebra, quando si celebra e perché si portano maschere e travestimenti? Perché gli italiani dicono: “A carnevale ogni scherzo vale”? Continua a leggere per scoprirlo…

Carnevale è un periodo di festeggiamenti cattolico e cristiano. Il periodo iniziava dopo l’Epifania, il 7 gennaio. Oggigiorno però, il periodo carnevalesco vero e proprio cade l’ultima settimana prima della Quaresima. Ha inizio il giovedì grasso e termina la settimana dopo con il martedì grasso. Questo è il giorno prima del giorno delle ceneri.

La parola carnevale deriva dal latino “Carnem levare”, e significa appunto levare o togliere la carne dalla dieta.

Si riferisce infatti alle celebrazioni e feste precedenti il giorno delle ceneri, che demarca l’inizio della Quaresima, quando inizia il digiuno e la rinuncia alla carne.

Carnevale è un festeggiamento antichissimo, caratterizzato da feste esuberanti e variopinte, dove tutto è permesso e dove sono di regola scherzi, giochi, finzione e mascheramenti. Viene celebrato con il teatro mettendo in scena commedie divertenti con personaggi mascherati. In queste commedie, immancabilmente, i ricchi e potenti vengono presi in giro e ridicolizzati.

Anche oggi, questa idea del ridicolizzare i potenti è rappresentata per esempio nei famosi carri allegorici che sfilano per le strade delle maggiori città. Venezia è conosciuta in tutto il mondo per le sue celebrazioni di carnevale come lo è Viareggio.

Anche i bambini celebrano il carnevale mascherandosi e mettendo in scena recite di teatro. È anche tradizione uscire per strada per essere ammirati nei loro costumi e gettare coriandoli e stelle filanti.

Il cibo è sempre importante in ogni celebrazione italiana e a carnevale gli italiani mangiano delle frittelle dolci particolari. Sono simili in tutta Italia anche se prendono nomi differenti. In alcune regioni si chiamano chiacchiere, in altre bugie, cenci, carafoi, ecc.

Il tipico motto di carnevale è: a carnevale ogni scherzo vale.

Perché a carnevale ogni burla, beffa, e scherzo sono non solo permessi, ma richiesti! Allora, a carnevale, state attenti quanto aprite la porta perché un sacco di farina potrebbe cadervi in testa!

Our Italian classes online starts soon, please visit our website: Group Italian Classes on Zoom

For more information please email: laura@parlaitaliano.co.uk or phone 07941 092593

If you like to subscribe to this newsletter, please insert your email address below:

The Italian Carnival

italian carnival traditions

Italian carnival traditions

So, what is the Italian Carnival, why do people celebrate this, when do they celebrate it, why do they dress up in costumes and what is the importance of the masks? And furthermore, why do Italian say: A carnivale ogni scherzo vale? Read on to find out…

Carnevale is a Catholic festive period that starts after the 6th of January. However, the main festivities and celebrations are carried out in the week preceding Lent. It starts on Thursday (‘Giovedigrasso’) and ends the following week on Tuesday (‘Martedi grasso’), which is the day before Ash Wednesday (‘Il giorno delle ceneri‘).

The word Carnevale comes from the Latin “Carnem levare”, meaning ‘remove the meat’ and it refers to the celebrations and feasts preceding Ash Wednesday, which marks the start of Lent when people would fast and abstain from eating meat.

Carnevale is an ancient tradition that was characterised by a period of exuberance, excess, folly, mockery, and a sense of general release. It would be celebrated with theatre and especially with comedies. The main characters, dressed in costumes and wearing a mask (la Maschera), would enact practical jokes at the expense of the rich and powerful.

Today, carnevale maintains its ancient idea of mockery and of making fun of the powerful. For example with the elaborate carnival floats are paraded in the major cities. Some of the most famous celebrations are in Venice and Viareggio, but most cities will have a celebratory parade.

Children celebrate Carnevale by dressing up in costumes and a mask, taking to the streets and throwing confetti and streamers around.

Food is always important in any Italian celebration and at Carnevale Italians eat a special type of sweet fritter.

It is eaten in all Italian regions but called with different names. In some regions they are known as chiacchiere, in others frappe or bugie, cenci, carafoi, etc.

The famous saying of carnival is a Carnevale ogni scherzo vale. At carnival all tricks, jokes and practical jokes are allowed. So be careful when you open your door, a bag of flour might just fall on your head!

Our classes start soon, please visit our website: Group Italian Classes on Zoom

For more information please email: laura@parlaitaliano.co.uk or phone 07941 092593

If you like to subscribe to this newsletter, please insert your email address below:

Il nostro Natale (livello A2)

learn italian culture

Learn Italian culture

28 Dicembre 2020

Il blog

Ecco un’altra puntata del nostro blog. Questo può essere complementare alla vostra lezione di italiano (Italian class). Può aiutarvi a capire la cultura italiana (Italian culture) e la lingua italiana (Italian language).

Come inizia la nostra storia

Sono un’insegnante di italiano come lingua straniera e ho vissuto a Londra per decenni. Sono sposata con un uomo inglese e abbiamo due figli. Nel settembre 2020 abbiamo deciso di trasferirci nel mio paesino originario che si trova in Italia fra il Lago di Como e le Alpi.

Il dramma continua

Mio marito a dicembre è dovuto tornare a Londra per lavoro, aveva pianificato di restare per due settimane, quelle richieste per completare la quarantena. Sarebbe tornato il 21 dicembre per iniziare con noi le vacanze. Quindi il 20 dicembre ha fatto tutti i preparativi per partire la mattina dopo in macchina. Invece, nella notte ha ricevuto un messaggio che diceva che le frontiere erano state chiuse. Ci siamo così immaginati un Natale senza di lui. I bambini erano delusi e infelici e anch’io! Che tristezza!

L’apertura delle frontiere

Abbiamo passato giorni di malumore e sconforto aspettando nuove notizie. Finalmente dopo 48 ore hanno deciso di riaprire le frontiere. Robin ha fatto il tampone, che è risultato negativo ed è partito nel pomeriggio del 23 ed è arrivato nella notte del 24. Al mattino, i bambini lo hanno trovato a casa, che felicità. Al suo arrivo dovrà fare ancora due settimane di quarantena, ma almeno sarà con noi in Italia.

Il nostro Natale

Abbiamo passato un Natale gioioso e felice. Il Natale non è tale senza un pranzo abbondante e delizioso. Abbiamo servito vari antipasti, un primo, un secondo accompagnato da vari contorni, dolci di pasticceria, caffè e liquori. Al pranzo sono seguite alcune ore di puro relax, e più tardi da giochi da tavolo in famiglia. Abbiamo anche giocato a un gioco a cui non giocavo da decenni, Shangai (anche conosciuto come Mikado). Abbiamo passato una giornata stupenda!

La neve

Stamattina e` il 28 dicembre ed è arrivata di nuovo la neve. Il paesaggio è veramente bello. Nella notte gli spazzaneve sono passati più volte per liberare le strade e in paese alcuni addetti stanno sgombrando marciapiedi e stradine con dei piccoli spazzaneve a scoppio. I bambini ne sono affascinati mentre li seguono con lo sguardo dalla finestra. Non vedono l’ora di uscire!

Alcune domande per voi:

Sapete cosa significa: ‘sarebbe tornato’ (paragrafo 3). Di che tempo verbale si tratta?
Le risposte la prossima settimana sulla pagina Facebook.

Our next blog and the answers to the questions above will be announced on our Facebook page, please like it and follow if you wish:

https://www.facebook.com/italianinlondon

If you like to subscribe to this newsletter, please insert your email address below:

Le vecchie decorazioni (livello A2)

italian christmas decorations

Italian christmas decorations

11 Dicembre 2020

Il blog

Ecco un’altra puntata del nostro blog. Questo può essere complementare alla vostra lezione di italiano (Italian class). Può aiutarvi a capire la cultura italiana (Italian culture) e la lingua italiana (Italian language).

Come inizia la nostra storia

Sono un’insegnante di italiano come lingua straniera e ho vissuto a Londra per decenni. Sono sposata con un uomo inglese e abbiamo due figli. Nel settembre 2020 abbiamo deciso di trasferirci nel mio paesino originario che si trova in Italia fra il Lago di Como e le Alpi.

Adoro il Natale

Io amo il Natale, amo decorare la casa, comprare i regali, pianificare il pranzo e cucinare. In particolare, amo le decorazioni di Natale sia dentro casa che fuori. A Londra abbiamo tantissime decorazioni perché ogni anno non resisto e compro sempre qualcosa di nuovo. In Italia invece, non abbiamo niente. Cosí quest’anno ho deciso di creare delle decorazioni con i bambini.

Le decorazioni di Natale

Ogni anno i bambini portano a casa dall’asilo o da scuola delle decorazioni fatte da loro. Ricordo l’anno in cui mia figlia ha portato a casa una decorazione a forma di piede che doveva rappresentare la renna Rudolf. Purtroppo il lavoretto non aveva avuto un terribile successo o cosí ho pensato quell’anno. Eppure, con il passare del tempo, ho iniziato ad amare profondamente quella decorazione e l’appendo con affetto ogni anno al nostro albero di Natale.

Lavoretti con i bambini

Proprio per questo, quest’anno ho deciso di realizzare delle decorazioni con i bambini. Perciò abbiamo ritagliato cuori di carta, dipinto renne, incollato brillantini su stelline, e cosí via.

Le decorazioni del passato

Mio fratello Silvio, che abita al piano di sotto, ha visto cosa stavamo facendo. E` andato a casa sua e mi ha portato una scatola di sue decorazioni e di quelle ereditate da mia mamma. Ho aperto la scatola ed ecco che, con grande sorpresa, ho trovato delle decorazioni di carta che io avevo creato il mio ultimo anno in Italia, prima di andare a vivere a Londra. Quell’anno vivevo con i miei genitori e mia madre deve aver conservato le mie decorazioni per tutti questi anni! Mia madre purtroppo ci ha lasciato, ma il ritrovare i miei lavoretti, mi ha fatto pensare a lei e al suo amore. Forse anche lei ha provato le mie stesse emozioni, anno dopo anno, a riappendere le decorazioni fatte dalla figlia. Chissà!

Our next blog will be announced on our Facebook page:

https://www.facebook.com/italianinlondon

If you like to subscribe to this newsletter, please insert your email address below:

La prima neve (livello A2/B1)

italian alps snow

Italian alps snow

4 Dicembre 2020

Il blog

Ecco un’altra puntata del nostro blog. Questo può essere complementare alla vostra lezione di italiano (Italian class). Può aiutarvi a capire la cultura italiana (Italian culture) e la lingua italiana (Italian language).

Come inizia la nostra storia

Sono un’insegnante di italiano come lingua straniera e ho vissuto a Londra per decenni. Sono sposata con un uomo inglese e abbiamo due figli. Nel settembre 2020 abbiamo deciso di trasferirci nel mio paesino originario che si trova in Italia fra il Lago di Como e le Alpi.

Le stagioni

Vivendo a Londra, dopo vent’anni di permanenza, ho cominciato a chiedermi: ma perché l’inverno comincia solo il 21 dicembre? A Londra fa freddo anche a novembre e le stagioni non sono ben definite. Dove vivo ora invece, la transizione dall’estate all’autunno è chiara e visibile a partire dal cambiamento dei colori del paesaggio. L’autunno inizia con temperature calde a settembre e lentamente si raffredda. A ottobre le montagne iniziano a coprirsi gradualmente di neve. Prima si imbiancano le cime di una spolverata leggera, col tempo il bianco delle cime diventa più spesso e a poco a poco e, a Novembre, si nota che la neve si abbassa fino ad arrivare a metà montagna.

La prima neve

‘Domani arriva la neve!’. Esclama mio fratello arrivando per una visita. La neve! Davvero! I bambini si fanno prendere dall’eccitazione e iniziano a saltare per casa. Ci siamo svegliati questa mattina e abbiamo subito guardato dalla finestra, piove ma non c’è traccia di neve.
I bambini vanno a scuola delusi. Fa freddo, oggi è anche giorno di mercato, fra poco esco a comprare frutta e verdura. Ecco che verso le nove intravedo qualcosa dalla finestra, sono fiocchi di neve, enormi!!! Mio marito Robin, guarda anche lui dalla finestra e sento che ne parla con un collega al telefono. L’elemento magico della neve ha il potere di rallegrare non solo i bambini ma anche gli adulti.

Il pupazzo di neve

I bambini sono estasiati e incantati dalla neve. Ritornando da scuola si fermano a lanciarsi palle di neve, poi pranzano e subito chiedono di uscire di nuovo a giocare. Eccoli che corrono fuori a fare il pupazzo di neve. La loro eccitazione e felicità è meravigliosa ed è un piacere vedere la bellezza della neve con i loro occhi.

Our next blog will be announced on our Facebook page:

https://www.facebook.com/italianinlondon

If you like to subscribe to this newsletter, please insert your email address below:

Il Presepe (livello A2)

traditional italian nativity

Traditional italian nativity

27 Novembre 2020

Il blog

Ecco un’altra puntata del nostro blog. Questo può essere complementare alla vostra lezione di italiano (Italian class). Può aiutarvi a capire la cultura italiana (Italian culture) e la lingua italiana (Italian language).

Come inizia la nostra storia

Sono un’insegnante di italiano come lingua straniera e ho vissuto a Londra per decenni. Sono sposata con un uomo inglese e abbiamo due figli. Nel settembre 2020 abbiamo deciso di trasferirci nel mio paesino originario che si trova in Italia fra il Lago di Como e le Alpi.

Preparazioni natalizie

Stiamo per entrare anche in Italia nel periodo natalizio. Qui dove vivo, in campagna, ci sono meno luci, meno decorazioni visibili fuori, nei giardini e nei negozi. L’albero di Natale non si fa a novembre ma la maggior parte delle persone lo addobba a dicembre, molti solo dopo l’otto di dicembre.
In Italia l’albero di Natale è spesso accompagnato dal Presepe.

Il Presepe

Ma che cos’è il Presepe? È una raffigurazione tridimensionale della nascita di Gesù. Di solito include la capanna e dentro questa Maria, Giuseppe, Gesù neonato che dorme in una mangiatoia, l’asino e il bue.

La tradizione del Presepe

La tradizione del Presepe nasce in Italia nel Medioevo ed è ancora presente in tutta Italia. Spesso il Presepe include la raffigurazione del territorio circostante. I bambini aiutati dagli adulti creano paesaggi in miniatura popolati da pastori, angeli e dai Re Magi. Questo paesaggio fatto di muschio, spesso comprende un fiume o un piccolo lago, colline, il cielo stellato e l’immancabile stella cometa.

Ricordi del passato

Io, come molti miei amici, abbiamo vividi ricordi dei nostri Presepi. Mi ricordo di quando, da piccola, uscivo e andavo nei prati non lontano da dove vivo ora. Raccoglievo il muschio che serviva a creare il suolo erboso, un po’ di edera per creare siepi. Poi insieme ai miei fratelli, dipingevo fogli di carta di blu per creare il cielo e il fiume o il laghetto. Posizionavamo infine le statuine dei vari personaggi e rimanevamo ad ammirare la nostra creazione. La preparazione del Presepe indicava l’inizio del periodo natalizio, l’attesa del gran giorno con la sua piacevole anticipazione.

Quest’anno porterò fuori i miei figli alla ricerca di muschio e foglie e lo faremo a casa nostra.

Our next blog will be announced on our Facebook page:

https://www.facebook.com/italianinlondon

If you like to subscribe to this newsletter, please insert your email address below:

Un cielo stellato (livello A2+)

italian night sky

Italian night sky

20 Novembre 2020

Il blog

Ecco un’altra puntata del nostro blog. Questo può essere complementare alla vostra lezione di italiano (Italian class). Può aiutarvi a capire la cultura italiana (Italian culture) e la lingua italiana (Italian language).

Come inizia la nostra storia

Sono un’insegnante di italiano come seconda lingua e ho vissuto a Londra per decenni. Sono sposata con un uomo inglese e abbiamo due figli. Nel settembre 2020 abbiamo deciso di trasferirci nel mio paesino originario che si trova in Italia fra il Lago di Como e le Alpi.

Un’app stellare

A mio marito piace osservare il cielo e gli astri e ha un’app sul telefono che gli permette di individuare il nome di pianeti e costellazioni. Purtroppo, a Londra dove vivevamo, il cielo è sempre troppo illuminato e non è possibile vederli. La bellezza di vivere qui è che tutte le notti il cielo è coperto di stelle luminose.

La passeggiata notturna

Ieri sera dopo cena, ci siamo vestiti bene perché inizia a far freddo la sera e siamo usciti. Siamo andati a fare una passeggiata nel buio. La stradina che abbiamo preso era deserta, abbiamo camminato un po’ e poi ci siamo fermati a guardare le stelle.

“Solo Nell’oscurità puoi vedere le stelle”

Sembra che Martin Luther King Jr. abbia detto: “Solo nell’oscurità puoi vedere le stelle”. Si possono dare molte interpretazioni a questa frase. Per esemio: nell’oscurità, anche se questa ci spaventa, possiamo superare la paura, riplendere e scoprire la nostra forza. Oppure – e questa è la mia interpretazione preferita al momento – solo nella semplicità del buio, quando non siamo distratti da quello che ci circonda, scopriamo l’essenza delle cose.

Questo è un po’ anche il messaggio che sto ricevendo dal vivere in un piccolo paesino in lockdown. Guardiamo le stelle e godiamo di questi momenti semplici ma preziosi.

Our next blog will be announced on our Facebook page:

https://www.facebook.com/italianinlondon

If you like to subscribe to this newsletter, please insert your email address below: