The Italian Book Club


Now that you have achieved a higher level of Italian you might want to read authentic material. Reading Italian literature and specifically novels is one of the best ways to improve your Italian language, expand your vocabulary and increase your knowledge of the Italian culture.

Parla Italiano School is launching a new pay-as-you-go reading club which will meet online using Zoom every other week from 7th June. Each session can be taken as one off or as part of a package. Readers wishing to participate will need to have achieved an intermediate or more advanced level of Italian.

The main aim of the club is to discuss the excerpts, to develop speaking and to work on lexis. Please note that we do not read the entire book but only a selected chapter, which can be easily read within the timeframe.  The session will have some structure but also enough flexibility so that the participants can truly express themselves fully. Zoom allows for smaller groups to be formed within the class, so that participants can have plenty of talking time during the session. Students will have the opportunity to meet different, likeminded people who enjoy discussing and exchanging ideas. The teacher will supervise and guide the discussion, she will be available to help and to clarify any items of language if required.

The programme will be carefully selected, it will include contemporary authors such as Dacia Maraini, Claudio Magris, Elsa Morante, Alessandro Baricco and so on. The programme for the first five sessions will be announced soon, and the course will start with the ‘La lunga vita di Marianna Ucria’ by Maraini.

This class is on every other Monday at 9.30am UK time (GMT +1), the session lasts for 1.5 hours. You can book each session separately or you can book a bundle of 5 lessons and get a discount. The maximum number of students per session is 10 and we will operate a waiting list if necessary. Students wishing to participate will need to have read the pages of the book chosen for that session, beforehand. After booking their session, students will receive a Zoom link to access their room.

To book follow the link and choose your session/s here:
Book Club on Zoom

For further information and any question you might have, please email: laura@parlaitaliano.co.uk or phone: +44 7941 092593 (UK number).

If you wish to be added onto our mailing list to receive our newsletter, please insert your email address below::

Il nostro regalo di Natale (livello A2)

18 Dicembre 2020

Il blog
Ecco un’altra puntata del nostro blog. Questo può essere complementare alla vostra lezione di italiano (Italian class). Può aiutarvi a capire la cultura italiana (Italian culture) e la lingua italiana (Italian language).

Come inizia la nostra storia
Sono un’insegnante di italiano come lingua straniera e ho vissuto a Londra per decenni. Sono sposata con un uomo inglese e abbiamo due figli. Nel settembre 2020 abbiamo deciso di trasferirci nel mio paesino originario che si trova in Italia fra il Lago di Como e le Alpi.

La nostra leggerezza

Abbiamo effettuato il nostro trasferimento con disinvoltura senza farci troppi problemi. In realtà è stata una decisione relativamente facile, considerando che avevamo già un’abitazione in Italia e che avremmo continuato a lavorare come prima.

Lo shock della scoperta

Quando però ci siamo rivolti agli uffici locali per ottenere l’assegnazione di un medico di famiglia abbiamo scoperto di non averne diritto anche se tre di noi sono cittadini italiani. Dunque, a settembre, abbiamo avviato pratiche internazionali per ottenerlo.

L’incidente di Sam
Nel frattempo, i nostri bambini si sono integrati molto bene nonostante le limitazioni dovute a Covid. A loro piace andare a scuola, le loro insegnanti sono molto brave e sono stati accolti favorevolmente sia da loro che dai bambini. I bambini di solito vanno a scuola indipendentemente senza essere accompagnati. Un giorno, al ritorno da scuola, mio figlio stava giocando con alcuni bambini. Mentre giocavano il suo berretto è finito in aria. In quel momento stava passando una macchina ma vedendo i bambini per strada si è fermata. I bambini hanno continuato a giocare finché il berretto è atterrato sotto la macchina. Mio figlio lo stava raccogliendo quando l’automobilista, che non l’ha notato, si è messo in moto anche se lentamente passando con una ruota sulla sua mano! Per fortuna il bambino se l’è cavata solo con dei piccoli tagli. Ma questo ci ha fatto riflettere di nuovo sulla nostra mancanza di copertura medica. (Sigh…)

Il nostro regalo di Natale
Ecco che finalmente il 10 dicembre ci è stato comunicato che mio marito e i miei figli hanno ottenuto il medico di famiglia. Alleluia! Sono passati solo tre mesi dall’inizio delle pratiche. Ma non importa, sono buone notizie e possiamo tirare un sospiro di sollievo e di giubilo. Io ancora non ho il medico ma forse presto riceverò anch’io buone notizie. Nel frattempo, ci stiamo preparando al giorno di Natale con i regali per i bambini, un pranzo favoloso e la compagnia dei familiari. Non vedo l’ora!

Alcune domande per voi:
Sapete cosa significa: ‘se l’è cavata’ (paragrafo 5), ‘tirare un sospiro di sollievo’ e ‘non vedo l’ora’ (paragrafo 6) rispondete sulla nostra pagina facebook (vedi sotto). Le risposte la prossima settimana.

Our next blog and the answers to the questions above will be announced on our Facebook page, please like it and follow if you wish:
https://www.facebook.com/italianinlondon

If you like to subscribe to this newsletter, please insert your email address below:

A year to forget and a learning revolution to continue

A year we will remember
2020 has been a year that most of us will remember; a sad time for some and a difficult time for most. To say that the virus has changed our lives is an understatement. The way people live has been revolutionized both in terms of their working life, their social life and the way people learn. Although we cannot deny the negative effects of the pandemic, some people have been able to find something positive in it such as being able to spend more quality time with their families, consider their travels more carefully as well as their shopping routines. Working from home will probably stay with us after the pandemic and so too will be the way we learn and lead our lives.

Learning online
During the pandemic, people started to take a great variety of classes online including languages. Learning a language online with a dedicated teacher is easy, accessible and convenient. Even people who loved attending a regular class have discovered the convenience of distance learning and the pleasure of doing it in their familiar environment.

Online classes at Parla Italiano
Parla Italiano responded to the Coronavirus crisis by closing our face-to-face classes following Government guidelines and opening online classes. We dedicated time to choose the application from which our virtual classes are delivered. All our classes are small and our courses are structured by level. All material presented during the lesson is made available before or after class as required. We have a white board that we share with our students. We use a variety of tools to make the classes truly engaging including numerous games. There is plenty of speaking practice during the lesson as students are split into smaller groups and enabled to interact with each other, making the most of the time available.

Our personal touch
I personally like to get to know our students before they join so that I can advise the best course for them. I like to discuss with my students their learning history and what they wish to achieve. Free trials are also available. Please get in touch by phone (UK number +44 7941092593) or by email laura@parlaitaliano.co.uk. I look forward to speaking with you!

New classes starting soon
Our new Italian classes, including complete beginners, are opening soon, places are limited, please get in touch now to avoid disappointment. Our classes are listed on our website www.parlaitaliano.co.uk if you cannot find what you are looking for, please contact us.

Our blog in Italian
If you are not a complete beginner and have reached the level A2, please read our blog in Italian about my adventure of moving to Italy: joys and tribulations

Our next blog will be announced on our Facebook page:
https://www.facebook.com/italianinlondon

If you like to subscribe to this newsletter, please insert your email address below:

Il Presepe (livello A2)

27 Novembre 2020

Il blog
Ecco un’altra puntata del nostro blog. Questo può essere complementare alla vostra lezione di italiano (Italian class). Può aiutarvi a capire la cultura italiana (Italian culture) e la lingua italiana (Italian language).

Come inizia la nostra storia
Sono un’insegnante di italiano come lingua straniera e ho vissuto a Londra per decenni. Sono sposata con un uomo inglese e abbiamo due figli. Nel settembre 2020 abbiamo deciso di trasferirci nel mio paesino originario che si trova in Italia fra il Lago di Como e le Alpi.

Preparazioni natalizie
Stiamo per entrare anche in Italia nel periodo natalizio. Qui dove vivo, in campagna, ci sono meno luci, meno decorazioni visibili fuori, nei giardini e nei negozi. L’albero di Natale non si fa a novembre ma la maggior parte delle persone lo addobba a dicembre, molti solo dopo l’otto di dicembre.
In Italia l’albero di Natale è spesso accompagnato dal Presepe.

Il Presepe
Ma che cos’è il Presepe? È una raffigurazione tridimensionale della nascita di Gesù. Di solito include la capanna e dentro questa Maria, Giuseppe, Gesù neonato che dorme in una mangiatoia, l’asino e il bue.

La tradizione del Presepe
La tradizione del Presepe nasce in Italia nel Medioevo ed è ancora presente in tutta Italia. Spesso il Presepe include la raffigurazione del territorio circostante. I bambini aiutati dagli adulti creano paesaggi in miniatura popolati da pastori, angeli e dai Re Magi. Questo paesaggio fatto di muschio, spesso comprende un fiume o un piccolo lago, colline, il cielo stellato e l’immancabile stella cometa.

Ricordi del passato
Io, come molti miei amici, abbiamo vividi ricordi dei nostri Presepi. Mi ricordo di quando, da piccola, uscivo e andavo nei prati non lontano da dove vivo ora. Raccoglievo il muschio che serviva a creare il suolo erboso, un po’ di edera per creare siepi. Poi insieme ai miei fratelli, dipingevo fogli di carta di blu per creare il cielo e il fiume o il laghetto. Posizionavamo infine le statuine dei vari personaggi e rimanevamo ad ammirare la nostra creazione. La preparazione del Presepe indicava l’inizio del periodo natalizio, l’attesa del gran giorno con la sua piacevole anticipazione.
Quest’anno porterò fuori i miei figli alla ricerca di muschio e foglie e lo faremo a casa nostra.

Our next blog will be announced on our Facebook page:
https://www.facebook.com/italianinlondon

If you like to subscribe to this newsletter, please insert your email address below: